Disdetta Mediaset Premium – Come Fare e Modello

Ad eccezione di particolari promozioni, il contratto di Mediaset Premium ha una durata di 12 mesi dalla data di accettazione da parte di Mediaset della richiesta di fornitura del cliente e si rinnova tacitamente alla scadenza per un altro anno. Tuttavia, l’abbonato ha la possibilità di evitare il rinnovo del contratto, inviando a Mediaset una raccomandata con ricevuta di ritorno, almeno 30 giorni prima della scadenza. La lettera va inviata al seguente indirizzo: RTI S.p.A. Casella Postale 101, 20900 Monza (MB).

La lettera può essere preceduta dall’invio di un fax al numero 02-91971398, a patto che entro le 48 ore successive sia confermata la disdetta per raccomandata.

disdetta mediaset premium modello

Ovviamente, l’abbonato ha anche la possibilità di recedere dal contratto prima della scadenza naturale, in qualsiasi momento. In questo caso, bisogna inviare un modulo compilato per il recesso immediato. A quel punto, si dovranno restituire all’azienda i costi di attivazione, pari a 8,34 euro, il rimborso delle promozioni attivate (se si è usufruito di uno sconto di 5 euro al mese per sei mesi, l’abbonato dovrà restituire 30 euro in tutto). Infine, Mediaset avrà il diritto di trattenere gli importi maturati fino al trentesimo giorno successivo alla data di ricezione della richiesta di recesso.

Nel caso in cui il contratto sia stato attivato tramite call center o altra vendita a distanza, secondo quanto riportato dal Codice di Consumo, è possibile disdire l’abbonamento senza alcuna penalità entro 14 giorni dalla sottoscrizione del contratto. Anche in questo caso è necessario inviare a Mediaset il modulo per la disdetta. E’ altresì possibile il ripensamento, ossia la possibilità che il cliente revochi la disdetta. Anche in questa situazione bisogna inviare un modulo al solito indirizzo sopra indicato.

Infine, qualora Mediaset decidesse di aumentare il canone mensile, a fronte dell’aggiunta di nuovi contenuti, è tenuta a darne comunicazione al cliente almeno 30 giorni prima dell’applicazione della maggiorazione del costo, consentendo nel frattempo all’abbonato di usufruire gratuitamente per un periodo di prova della visione dei nuovi contenuti. Questi avrà il diritto di disdire l’abbonamento, se non intende accettare le nuove condizioni contrattuali e dovrà comunicare la sua volontà sempre tramite fax e/o solo lettera raccomandata.

Riportiamo, qui di seguito, il modulo per la disdetta dell’abbonamento alla scadenza del contratto annuale

Il sottoscritto (Nome) (Cognome), codice fiscale, sesso (M/F), data e luogo di nascita, residente in, telefono cellulare, indirizzo email, titolare del contratto di abbonamento n, stipulato il, nel rispetto del preavviso di almeno trenta giorni dalla data di scadenza annuale del contratto, comunica di non essere interessato al rinnovo del contratto per ulteriori 12 mesi e di volere, a tale fine, dare disdetta allo stesso, ai sensi dell’art.71 delle Condizioni Generali di Fornitura.

Seguono la data e la firma dell’abbonato, mentre successivamente è importante indicare anche con poche parole la motivazione che ha spinto al mancato rinnovo del contratto.

Per quanto riguarda il modulo per avvalersi del diritto di recesso, oltre i 10 giorni dalla data di stipulazione del contratto, esso è uguale a quello sopra indicato per la parte riguardante l’invio dei dati personali e relativi all’abbonamento, mentre successivamente bisogna apportare le seguenti modifiche. Aggiungere: “Premesso che sono decorsi più di dieci giorni lavorativi dalla stipulazione del contratto, chiede di voler recedere ai sensi dell’art.7.2 delle Condizioni Generali di Fornitura e conferma di conoscere il diritto di R.T.I. di addebitargli, ove dovuti, gli importi di cui agli artt. 7.2 e 8.4 delle Condizioni Generali di Fornitura (importi maturati a titolo di corrispettivo sino alla data di ricevimento della comunicazione del recesso, rimborso dei costi dell’operatore, importi riconosciuti al contraente quali accrediti sul corrispettivo dovuto per la fruizione del Servizio, qualora questi siano riconducibili ai diritti di visione dell’offerta Mediaset Premium prepagata ricaricabile ancora in corso di validità al momento dell’efficacia del recesso, sconti fruiti in caso in mancato rispetto dei termini minimi di durata del contratto dell’offerta promozionale prescelta).

Un consiglio: qualora si sia deciso per la disdetta di un abbonamento con Mediaset Premium, è altresì consigliabile cambiare anche la modalità di pagamento. Se, ad esempio, si aveva sottoscritto un contratto con pagamento tramite R.I.D., si potrebbe optare contestualmente all’invio della disdetta per il pagamento con carta di credito o tramite bollettino postale. La ragione è semplice: con RID, la società preleverà automaticamente il canone mensile, senza bisogno di una previa autorizzazione. Bisognerà sperare, quindi, che Mediaset si comporti correttamente con la gestione dei pagamenti, anche dopo avere ricevuto la lettera di disdetta. In ogni caso, per evitare cattive sorprese, è opportuno revocare anche il RID come metodo di pagamento e passare alla carta di credito o bollettino postale, in modo da avere la certezza di pagare solamente quanto sia dovuto.

Infine, se siete vecchi abbonati di Mediaset Premium (ma il ragionamento è valido per qualsiasi altra paytv), bisogna fare attenzione ai costi, perché le tv a pagamento sono solite ingraziarsi i nuovi abbonati, spesso offrendo ai clienti più vecchi servizi a prezzi maggiori, in quanto considerati già acquisiti. Una minaccia di disdetta potrebbe farvi pervenire diverse offerte vantaggiose.

Comments on this entry are closed.